CIOCIARIA OGGI 4 dicembre 2018

Il giorno 2 dicembre 2018 si è tenuta la giornata annuale del tesseramento.

Una tiepida domenica d’inverno ha accolto uno dei momenti più attesi dell’Associazione Insieme Alatri Onlus: il tesseramento! Dopo diversi tentativi, negli anni precedenti, di coinvolgere la città di Alatri in questo evento, quest’anno abbiamo cambiato il vestito alla festa, il punto di riferimento è stata la formazione, lo studio, guidato sapientemente dal professore Silvio Roscioli, Presidente regionale del Lazio dell’A.R.V.A.S. (Associazione Regionale Volontari Assistenza Sanitaria), sul difficile rapporto tra fratelli e sorelle, difficile sempre, ma molto più complesso quando uno dei due è una persona con disabilità.

Il linguaggio molto diretto del professore ha dato vita a molte riflessioni. I genitori presenti e con loro i fratelli e sorelle dei nostri ragazzi della Associazione si sono visti allo specchio nel sapiente quadro del professore, non esistono istruzioni per la costruzione di un rapporto così difficile e molto più profondo di quello genitoriale, bisogna imparare crescendo. Il consiglio più importante alla fine della presentazione da parte del professore è stata una frase ripresa da Les Brown “Punta alla luna, mal che vada avrai vagabondato tra le stelle”, occorre impegnarsi a raggiungere il punto più alto di ogni cosa, se proprio non dovessimo arrivarci, possiamo sempre dire di avere visto tanti altri punti di vista.


Sono seguiti vari interventi dei Siblings presenti, hanno toccato il cuore di tutti ed emozionato fino alle lacrime, lasciando impresso il messaggio indiscutibile: vivere a fianco e crescendo insieme ad una persona con disabilità arricchisce la vita, non la limita.


Dopo l’incontro, davanti ad ottimi piatti tipici della cucina Ciociara, sapientemente cucinati dalle volontarie della Associazione Insieme, sono continuati gli scambi di idee e di progetti per il prossimo anno associativo, si sono riconfermati gli impegni senza dimenticare di dare spazio a nuove sfide che rendano l’associazione sempre più un punto di riferimento per le famiglie del territorio e non.


Non poteva mancare un sano momento di sport!!!
Sotto gli occhi attenti del referente nazionale di pallacanestro Fisdir Giuliano Bufacchi, che ha individuato anche possibili atleti da inserire in nazionale, si è giocata una divertente partita di basket, dove le regole sono state infrante, i genitori si sono improvvisati ottimi cestisti, e in cui ha trovato un’ottima conclusione questa meravigliosa giornata!!!

Vorremmo arrivare nelle menti di più persone possibili per cambiare il mondo, ma il mondo si cambia a partire dal cuore e per poter lasciare che accada bisogna lasciarlo aperto e libero di scegliere…

14 ottobre 2018

Giornata nazionale delle persone con Sindrome di Down

Naturalmente guardare una persona nella sua totalità non è una cosa che tutti sono in grado di fare.
È più facile “guardare solo a metà”, in modo distratto, giudicando e sentenziando con abbondanza di pregiudizio.
Ma tutto si può… tu fallo Insieme a noi!!!

Articolo su Avvenire, scritto da Igor Traboni, nella bella rubrica “Dulcis in fundo”, dove racconta l’esperienza dell’Associazione Insieme, che si occupa di reinserimento lavorativo dei giovani disabili, grazie anche ad un allevamento di lumache

Anagni-Alatri Uno racconta nel numero di luglio la bella esperienza del progetto “A Passo di Chiocciola”

I progetti nascono da idee che si sprigionano all’improvviso, che nascono da racconti o da incontri, da domande fatte un po’ per cortesia: “Che fai adesso? Allevo lumache!”
La prima reazione è il sorriso, come per dire: che sciocchezza allevare lumache… e poi invece si scopre che l’elicicoltura è un mondo incredibile, immenso, antico, tanto antico da trovarne tracce negli scritti di Plinio Il Vecchio. Oggi l’elicicoltura è in continua crescita ed è diventata una realtà agricola riconosciuta dagli enti pubblici e istituzionali, molti dei quali hanno legiferato in suo favore, creando incentivi economici per la diffusione della produzione. Sì, incentivi economici, perché potrebbe ingannare la povertà del piatto di lumache alla Ciociara che spesso nel nostro territorio è una prelibatezza, ma dietro c’è un lavoro faticoso, impegnativo e molto legato alle leggi ingovernabili di Madre natura che rendono l’allevamento abbastanza rischioso.
Ma questo non ha scoraggiato l’impegno della Associazione insieme di Alatri, una Onlus e cooperativa sociale che da anni porta avanti con caparbietà progetti di integrazione sociale e lavorativa per persone con disabilità. Ed ecco dunque il progetto “A passo di chiocciola” , che ha consentito di coniugare il lavoro sul campo e un percorso di autonomia , in piena collaborazione con la cooperativa sociale “La Meridiana” di Alatri. Un progetto che ha trovato una bella concretizzazione nell’apertura di un allevamento di chiocciole sempre ad Alatri, nella zona rurale a ridosso dell’ospedale.
Un sogno che è stato possibile realizzare grazie anche al finanziamento dell’8×1000 della Chiesa Cattolica Italiana che, grazie al fattivo intervento della Diocesi di Anagni-Alatri, ha riscontrato nell’idea presentata da Associazione Insieme un mix di obiettivi innovativi, uno su tutti quello di inserire persone con disabilità o disagio sociale in un contesto lavorativo che riscopre l’antico legame con la natura dove passione, impegno, fatica e sudore si fondono per la produzione di questi piccoli molluschi così richiesti sul mercato alimentare nazionale.
Il progetto si articola in due parti: la prima è incentrata sull’allevamento vero e proprio delle chiocciole, in particolare della Helix Aspersa Muller che viene allevata all’aperto; la seconda parte si articola su un percorso di autonomia di ragazzi con disabilità, i quali, opportunamente seguiti da un educatore, fortificano le basi indispensabili per il raggiungimento di un’autonomia personale che permetta loro di inserirsi nel mondo del lavoro.
Il lavoro sul campo è un ritorno alle origini, un tuffo nella vita agreste dove a farla da padrone è la Terra che, nonostante sia sempre vista umile e semplice, racchiude forze non controllabili, è un imparare giorno per giorno a seguirla, standole accanto, rispettandone tempo e dinamiche. Tutto invece ha il suo tempo e i suoi spazi, proprio come le chiocciole.
Imparare ad avere il rispetto di questi dinamismi aiuta a rispettare anche quelli degli uomini, delle persone, senza voler sostituirci a chi ha tempi diversi, autonomie diverse. E con la seconda parte del progetto “A passo di chiocciola” è proprio questo che l’Associazione Insieme vuole valorizzare: un’autonomia possibile per tutti, anche per le persone con disabilità.
All’inaugurazione dell’allevamento di lumache di sabato 30 giugno hanno presenziato tra gli altri il Vescovo di Anagni-Alatri Lorenzo Loppa, che ha avuto parole di sincero apprezzamento e ulteriore incoraggiamento per i membri e i volontari dell’associazione, il vicario don Antonio Castagnacci e il sindaco di Alatri Giuseppe Morini.

Il progetto “A passo di chiocciola” nasce con l’idea di promuovere un’inclusione a 360°, nel mondo del lavoro, delle persone con disabilità. È  stato possibile realizzarlo con il finanziamento dell’8×1000 della Chiesa Cattolica.
L’allevamento delle chiocciole richiede un lavoro semplice, legato indissolubilmente a Madre Natura e alle sue imprevedibili sorprese, le stesse sorprese che le persone con disabilità ci riservano quando diamo per scontati stereotipi e preconcetti.
Abbiamo realizzato il progetto sia sul campo con la preparazione dell’allevamento sia con i ragazzi con disabilità con  un percorso di Autonomia.
L’Associazione Insieme ha intrecciato con la Soc. Coop. Sociale Onlus La Meridiana un rapporto di collaborazione su diversi fronti e anche per realizzare questo progetto di elicicoltura  A Passo di Chiocciola  perché entrambe perseguono gli stessi obiettivi, seguiteci e vi sveleremo tutti i nostri segreti…

Ecco la carrellata forografica della serata riguardante la 4^ lezione del corso

31961346 1935701179781795 3404395325979361280 n
« 1 di 34 »

Il futuro si costruisce giorno dopo giorno, mattone su mattone, passo dopo passo.
L’ obiettivo è quello di rendere i nostri ragazzi sempre più autonomi, ma soprattutto liberi di realizzare i propri sogni. Nessun progetto ambizioso o estremo, più semplicemente un nuovo punto di vista che spazzi via concetti vecchi e superati sulle persone con disabilità.
Il tuo 5×1000 ci sostiene a realizzare i nostri sogni!
” IL FUTURO APPARTIENE A COLORO CHE CREDONO NELLA BELLEZZA DEI PROPRI SOGNI”
Eleonor Roosevelt